Servizi Turistici

Taranto vecchia è uno di quei posti che bisogna visitare almeno una volta nella vita, possibilmente facendosi accompagnare da un abitante del luogo.
Lontana dai centri storici "vetrina" o "salotto" come tanti in Italia, l'isola antica di Taranto conserva intatto il fascino di un centro urbano ancora abitato dai veri tarantini, i custodi della memoria storica, delle tradizioni, della lingua e della cultura popolare e marinaresca di un luogo che, se visitato con rispetto, è capace di regalare al turista un'esperienza diversa dalle tradizionali vacanze ed unica nel suo genere.


Lasciandovi guidare dai nostri operatori, scoprirete tanto i vicoli e le piccole chiesette di quartiere, quanto i chiostri e i maestosi complessi religiosi costruiti sui resti di antichi templi greci. Ma lo farete in compagnia del calore umano della sua comunità, pronta ad aprirvi le porte delle sue case e a farvi conoscere odori e sapori della più tipica cucina pugliese e mediterranea.

Presso la Domus Armenorum di Piazza Monteoliveto potrete ricevere informazioni e assistenza, usufruire di una connessione Wi-Fi libera, noleggiare i tablets con l'applicazione multingue "solidale", per la visita audio guidata al patrimonio culturale diffuso della città vecchia. Potrete inoltre prenotare visite guidate con operatori qualificati nelle aree turisticamente rilevanti della Puglia (Magna Grecia, Murgia e Gravine, Valle d'Itria, Salento) e al MARTA - il Museo Nazionale Archeologico di Taranto - oppure percorsi escursionistici ed itinerari storico naturalistici attraverso l'habitat rupestre del Parco Naturale Regionale "Terra delle Gravine".

Se volete soggiornare, il consiglio è quello di affidarsi alla rete di case private per l'ospitalità diffusa nella città vecchia, intorno alla quale una serie di residenti dell'isola sta provando a mettersi insieme per offrire a turisti e visitatori un'esperienza del tutto diversa e informale di pernottamento, condividendo gli spazi, i ritmi di vita e le abitudini di chi vive nel centro storico.
E partecipando alla costruzione di un'idea diversa di vivere il territorio e fare turismo di comunità.

Turismo Responsabile

Che lo si definisca sociale, sostenibile o solidale, il turismo responsabile va sempre inteso come una corretta interazione con le comunità ospitanti, che sono fonte di conoscenza e di emancipazione culturale per i turisti.


Secondo la definizione adottata dall'Associazione Italiana Turismo Responsabile, è quindi il turismo attuato secondo principi di giustizia sociale ed economica e nel pieno rispetto dell'ambiente e delle culture. Quello che riconosce la centralità della comunità locale ospitante e il suo diritto ad essere protagonista nello sviluppo turistico del proprio territorio.


Taranto vecchia è un progetto che vuole incoraggiare la conoscenza di un centro storico, al centro del Mediterraneo, attraverso la descrizione e la voce di chi ha attraversato questo mare ed è giunto fin qui non per una vacanza o per una visita turistica ma per necessità, ed ha imparato a condividere con i residenti, con positiva curiosità, gli aspetti più caratteristici del territorio, andando oltre gli stereotipi e le forzature folkloristiche.


L'accoglienza turistica che vogliamo provare ad offrire è quella cosiddetta "di comunità", una nuova forma di accoglienza che si sta pian piano sviluppando in Italia, in alcuni borghi e valli ancora autentici ed integri, il cui scopo è quello di coinvolgere la collettività in tutte le sue forme organizzate, pubbliche e private, per promuovere in modo partecipato lo sviluppo sostenibile di un territorio.


L'ospitalità che vogliamo sviluppare e incentivare è quella che prevede la forma dell'albergo diffuso, ovvero quella formata da più strutture in grado di offrire un servizio ricettivo comune e completo, unendo le potenzialità già presenti nel territorio, senza dover ricorrere alla creazione di nuove strutture alberghiere. In questa maniera si contribuisce a coniugare il mantenimento e la valorizzazione dell'esistente, con la valorizzazione turistica dei luoghi stessi.


L'invito che facciamo è quello di venire a condividere con gli abitanti e i componenti della comunità di città vecchia la vita culturale, le tradizioni, la cucina, la musica, in un contesto di rispetto reciproco, di sostenibilità ambientale e di condivisione dei benefici generati dal turismo. Partendo con questo spirito, non soltanto la collettività locale riceverà un beneficio dal turismo, ma acquisterà consapevolezza del valore sociale e anche commerciale del proprio patrimonio culturale e naturalistico e sarà pertanto stimolata alla sua conservazione.